Futuro del TPL a Pisa e Lucca. Lombardi: “AT è italiana. Sul futuro nessuna decisione è stata presa” (Comunicato stampa)

Logo Autolinee Toscane 20191024FIRENZE, 9 Gennaio 2020 – “Prima di tutto, una precisazione d’obbligo: i francesi non voltano le spalle a nessuno, tantomeno a Pisa. La sede della società dei bus nell’area Nord della regione è tutt’altro che decisa. Come si può facilmente intuire, in questo momento, abbiamo tutt’altre priorità”. Questa la reazione del presidente di Autolinee Toscane, Bruno Lombardi, alla notizia pubblicata con rilievo sul Tirreno di questa mattina.

Lombardi poi aggiunge: “Abbiamo vinto la gara, ma ancora il servizio è gestito dalle attuali aziende e già si preannunciano nostre decisioni sulla localizzazione di sedi, sulla loro funzione e sul trasferimento dei dipendenti. Tutte cose premature e prive di fondamento, che servono solo ad alimentare facili allarmismi. L’unica notizia fondata è quella relativa al futuro del palazzo di Ospedaletto. L’immobile non è stato inserito tra i beni essenziali da rilevare (né da acquistare né da affittare), tant’è vero – come è precisato nello stesso articolo – che lo stesso CTT Nord da tempo ha iniziato il suo trasferimento”.

Stesso discorso vale anche per l’annunciato trasferimento del personale: è una notizia prematura e allarmistica. “Tutto ciò che avviene in queste settimane – conclude Lombardi – è il frutto di decisioni che non ci appartengono. A tempo debito ci sarà un processo di riorganizzazione, ma questo è ancora lontano dall’essere affrontato. E quando lo faremo apriremo un confronto con le parti sociali”.

Ribadiamo inoltre che Autolinee Toscane è un’azienda italiana, fatta da italiani, che paga le tasse in Italia, e che grazie all’appartenenza ad un gruppo internazionale, porterà in questa regione una migliore gestione del servizio, frutto di esperienze fatte in tutto il mondo, oltre a consistenti investimenti – più 500 milioni di euro – che serviranno per l’acquisto di immobili, per nuovi bus ecologici e tecnologie necessarie a migliorare il servizio.

Comments for this post are closed.