Trasporti: in Toscana servizio affidato ad Autolinee Toscane (ANSA)

ansa-700x366-precomposed(ANSA) – FIRENZE, 3 MAG – Pubblicato oggi il decreto di assegnazione ad Autolinee Toscane spa, azienda del gruppo francese Ratp, della gara unica regionale per il servizio di tpl su gomma in tutta la Toscana. La Regione, spiega una nota, ha decretato l’affidamento del servizio nel rispetto e in attuazione della sentenza della Corte di giustizia europea dello scorso 21 marzo, nonchè in attuazione dell’accordo firmato dalla Regione, At e Mobit (consorzio concorrente nel bando di gara) a dicembre 2017, in coincidenza con la stipula del contratto-ponte di due anni, in vigore fino al 31 dicembre 2019, che affidava la gestione del servizio di tpl in via transitoria. Tuttora aperto un contenzioso davanti alla giustizia amministrativa: a ottobre fissata l’udienza del Consiglio di Stato. La base di gara per il trasporto pubblico locale su gomma in Toscana è pari a 2,77 miliardi di euro per 11 anni di servizio. A questo si aggiungono 190 milioni circa per l’acquisto di nuovi mezzi. Il valore complessivo della gara, con i ricavi da biglietti e abbonamenti, è pari a circa 4 mld.

La Corte europea dà il via alla cordata di Autolinee Toscana (Il Tirreno)

Tirreno22-3-19 Il Tirreno – 22 marzo 2019 – di Samuele Bartolini – Autolinee Toscane 1 – Consorzio Mobit 0. Ieri i magistrati della Corte di giustizia europea hanno deciso. La partita a suon di carte bollate per aggiudicarsi la gara del trasporto pubblico locale l’ha vinta Autolinee Toscane. Tutto regolare per la corte del Lussemburgo. Autolinee Toscane ha vinto in maniera lecita la gara del 2016. Il fatto che sia partecipata dalla francese Ratp non è un motivo valido per escluderla. E la Regione potrebbe già affidare la torta da 4 miliardi di euro per 11 anni di servizio “tpl” ad Autolinee Toscane. […] Leggi l’articolo

L’ Ue dà ragione ai francesi servizio pubblico verso AT (la Repubblica – Firenze)

laRepubblica22-3-19 la Repubblica Firenze – 22 marzo 2019 – di Ilaria Ciuti – La sentenza numero C-350/17 della Corte di giustizia europea è arrivata ieri e dà ragione alla Regione: la concessione provvisoria del servizio di trasporto pubblico su gomma (tpl) sull’intera Toscana data nel 2015 e confermata nel 2017 dalla Regione a Autolinee Toscane (al 100% del colosso francese dei trasporti, Ratp) non ha secondo la normativa europea nessun vizio. In base a questa sentenza la Regione potrebbe procedere subito all’aggiudicazione definitiva. Leggi l’articolo

Lombardi (Autolinee) “Dimezzeremo l’età dei mezzi usati in Toscana”

Lombardi-Repubblica-22-3-19la Repubblica – 22 marzo 2019 – di Ilaria Ciuti – INTERVISTA A BRUNO LOMBARDI, PRESIDENTE DI AUTOLINEE TOSCANE – “La Corte di giustizia europea ci riconosce tutti i requisiti per partecipare alla gara del trasporto pubblico toscano“, registra, soddisfatto, Bruno Lombardi, presidente di Autolinee Toscane (AT), l’azienda di Ratp che ha avuto l’aggiudicazione provvisoria dalla Regione.
Dunque se ora la Regione non vi desse l ‘aggiudicazione definitiva chiedereste i risarcimenti , come si dice?
«Il problema non esiste. La sentenza europea è cristallina, conferma quanto già espresso dal Tartoscano nell’ottobre 2016 come la serietà e la correttezza di questa gara.  Adesso si può solo dare seguito agli atti previsti, sottoscritti e concordati da tutti gli interessati, vedi l’articolo 4 del contratto ponte in atto che prevede l’aggiudicazione dopo la sentenza europea”. Leggi l’intervista…

Bus, la Corte Ue dice sì ai francesi. “Gara regolare” (Corriere fiorentino)

CorriereFiorentino22-3-19Corriere fiorentino – 22 marzo 2019 – di Mauro Bonciani – Autolinee Toscane, azienda partecipata dai francesi di Ratp, poteva partecipare alla gara per la gestione del trasporto pubblico su gomma indetta dalla Regione Toscana (e aggiudicata dalla Regione proprio ad Autolineee Toscana). Questo il verdetto della Corte di giustizia dell’Unione Europea, a cui si era rivolto il Consiglio di Stato, che apre un nuovo capitolo della lunga vicenda della gara per il servizio di autobus, con la Regione pronta ad aggiudicare definitivamente il servizio, senza la pausa in attesa del verdetto del Consiglio di Stato chiesta da Mobit […] Leggi l’articolo

Nuovo servizio bus, via libera dall’Europa (La Nazione)

LaNazione22-3-19La Nazione – 22 marzo 2019 – di Monica Pieraccini – “Sono passati quattro anni dalla prima aggiudicazione provvisoria della gara per gestire il trasporto pubblico su gomma in Toscana ad Autolinee Toscane. Dopo ricorsi e guerre di carte bollate, un’aggiudicazione definitiva ed un’altra provvisoria, sempre all’azienda del gruppo Ratp, ci risiamo. La Corte di giustizia europea, alla quale si è rivolto il Consiglio di Stato, ha giudicato regolare la partecipazione di Autolinee Toscane alla gara. Plaude il gruppo francese. “E’ una sentenza – commenta Bruno Lombardi, presidente di Autolinee Toscane – coerente con quanto già espresso dalla Regione Toscana e dal Tar, a conferma della serietà e correttezza con cui è stata gestita la gara. Il nostro obiettivo è quello di essere pronti a fornire un servizio di trasporto di qualità come voluto dalla Regione e come atteso da tutti i pendolari” […] Leggi l’articolo

Corte Ue: legittima l’aggiudicazione del Tpl a Ratp (Toscana 24)

TOSCANA24 – Toscana 24 – “Tutto come previsto: la Corte di giustizia europea ha dato ragione alla Regione Toscana, che nel novembre 2015 aveva aggiudicato in via provvisoria la gara unica per tutti i bus del territorio alla francese Ratp, operante attraverso Autolinee Toscane. Sconfitto il raggruppamento di Mobit, che negli ultimi giorni aveva acquistato pagine sui giornali locali per criticare l’operato della Regione e invitarla a non aggiudicare la gara in via definitiva dopo la sentenza europea. Cosa che invece la Regione si appresta a fare: «Prendo atto con soddisfazione del fatto che la Corte di Giustizia ci abbia dato ragione – dice a caldo il presidente Enrico Rossi a Toscana24 – e abbia riconosciuto il nostro corretto comportamento. Ora i nostri uffici legali valuteranno la sentenza, e prenderanno presto una decisione».

Continua a Leggere

Corte Ue giudica regolare affidamento ad Autolinee Toscane (ANSA)

ansa-700x366-precomposed (ANSA) – BRUXELLES, 21 MAR – L’aggiudicazione, nel 2016, della concessione del trasporto pubblico in Toscana ad Autolinee Toscane non è viziata dal fatto che tale società è partecipata dalla francese Ratp. Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue, chiamata a pronunciarsi sul caso dal Consiglio di Stato italiano.

La disputa giudiziaria nasce dal ricorso intentato dall’impresa di trasporti Mobit contro l’aggiudicazione alla società Autolinee Toscane (AT) della concessione del trasporto pubblico locale in Toscana. Continua a Leggere

Trasporti: avv. Corte Ue, ok gara con Autolinee Toscane (ANSA)

Ansaa

BRUXELLES – Nessuna disposizione del regolamento comunitario sui servizi pubblici di trasporto di passeggeri impedisce l’aggiudicazione tramite gara di un contratto ad Autolinee Toscane.

Quando l’amministrazione procede con una gara, deve aprirla a tutti gli operatori. E’ il parere (non vincolante) dell’avvocato generale della Corte di giustizia Ue, Henrik Saugmandsgaard.

Le conclusioni dell’avvocato riguardano la causa dell’impresa di trasporti Mobit, che ha impugnato l’aggiudicazione definitiva alla società della concessione in Toscana del trasporto pubblico locale. Secondo Mobit, Autolinee Toscane avrebbe dovuto essere esclusa dalla gara in virtù della normativa comunitaria del 2007 che regola i servizi pubblici di trasporto, in quanto la società è controllata dalla Régie Autonome des Transports Parisiens (Ratp), beneficiaria di una concessione statale francese e quindi già avvantaggiata, in termini di concorrenza, in un altro Stato.

Autolinee Toscane ha presentato a sua volta un proprio ricorso per ottenere l’esclusione dell’offerta depositata da Mobit. Il Tar della Toscana ha accolto entrambi i ricorsi e il Consiglio di Stato, davanti al quale entrambe le società hanno fatto appello, si è rivolto alla Corte di giustizia.

L’avvocato spiega che il regolamento del 2007 stabilisce due regimi transitori che esonerano totalmente o parzialmente gli affidamenti di trasporto pubblico passeggeri dalla necessità di rispettarlo. Infine, secondo l’avvocato, quando l’amministrazione intende procedere con gara deve aprirla a tutti gli operatori.