Ministero: servono 10 giorni di esercizio a vuoto

SCANDICCI, 30 GIUGNO 2018 – Prima di aprire le porte ai passeggeri nella nuova linea T1 tra Alamanni e Careggi, la tramvia dovrà effettuare 10 giorni di esercizio a “porte chiuse”. Lo ha deciso la Commissione del Ministero (USTIF) che, verificata l’infrastruttura e la documentazione tecnica, ha dato il via libera fissando tempi e modalità.

“Noi siamo pronti. Appena avremo il viapre.eserciziopre libera formale inizieremo la simulazione del servizio – commenta Jean Luc Laugaa, Ad di Gest – svolgendo tutte le attività, le verifiche e i test previsti dal Ministero. Attività che ci consentiranno di garantire un servizio affidabile e in sicurezza. Se tutte le verifiche daranno esito positivo il servizio sarà aperto a tutti”. Continua a Leggere

Meno auto e smog: la buona «lezione» della prima tramvia (Corriere fiorentino)

Corriere29-06-2018Corriere fiorentino – 29 giugno 2018 – di Marzio Fatucchi – I vantaggi della tranvia, su cui ormai
neanche i più feroci oppositori dei Sirio a Firenze esprimono più dubbi, saranno sostanzialmente due. Il primo è l’impatto sul numero delle auto utilizzate, come dimostra l’esperienza della linea i. A dirlo sono le ultime statistiche elaborate dalla Regione Toscana: già solo dopo due anni dopo l’entrata in esercizio della tranvia Scandicci – Firenze, su 13 milioni di passeggeri all’anno, un quarto di questi aveva deciso di smettere di usare il proprio mezzo (auto o scooter) ed aveva preferito il tram. E questo significa che un’auto su cinque, tra quelle che circolavano prima della partenza della linea 1, rimaneva in garage o comunque a casa. A fronte di questo ecco il secondo effetto positivo sempre la sola linea i ha permesso l’abbattimento di 46o mila tonnellate di C02 all’anno… Leggi l’articolo integrale

Corri la Vita, con “Sirio” testimonial (Corriere fiorentino)

CorriLaVita-28giugno2018Corriere fiorentino – 28 giugno 2018 – Francesco Del Boca – Un convoglio Sirio con una enorme maglietta viola. È la nuova t-shirt di «Corri La Vita», firmata Salvatore Ferragamo, che riveste l’insolito testimonia)dell’edizione 2018: la tramvia. «Dopo i simboli del glorioso passato di Firenze come l’Elettrice Palatina, Dante o Palazzo Vecchio arriva la tramvia. Per la prima volta uno sguardo verso il futuro, perché il domani corre sui binari», ha commentato la presidente dell’Associazione «Corri La Vita Onlus» Bona Frescobaldi. Leggi l’articolo integrale

Tramvia: “Pronti a gestirla bene”

congressomobilitàFirenze, 26 giugno – “Per avere un moderno sistema di trasporti è necessario prima creare le infrastrutture e poi gestirle bene. Presto avremo tre linee. Noi siamo pronti a gestirle in modo che siano affidabili, sicure e puntuali. Mi auguro poi che la rete tramviaria venga completata, in modo che possa esprimere tutte le sue potenzialità ed estendere i benefici all’intera città”.

Queste le parole di Jean-Luc Laugaa, Ad di GEST, gestore della tramvia di Firenze, che questa mattina è intervenuto all’iniziativa “Infrastrutture e mobilità” organizzato dalla Regione Toscana per fare il punto sul Piano Regionale Integrato Infrastrutture e Mobilità.

“Ci impegniamo, ci impegniamo, ci impegniamo – commenta Laugaa – Ci impegniamo molto per offrire un servizio che punti alla regolarità, affidabilità, importando anche soluzioni ed esperienze del mondo. Ci impegniamo anche sul fronte della sicurezza e, soprattutto, nel dialogo continuo con i passeggeri. Solo così, con questo impegno costante, si può garantire un buon servizio”.

Per GEST, che si appresta a gestire le nuove linee dirette a Careggi e Peretola, è rilevante anche guardare la mobilità fiorentina nel suo complesso e in prospettiva. “Toccheremo Scandicci, Careggi e Peretola, è prevista la linea 4 e alcune estensioni, ma è necessario toccare anche la parte Sud di Firenze, completare il sistema tramviario e portare il servizio in tutta la città, per una Firenze moderna e sempre più europea”.

Per far funzionare un sistema è però necessaria anche maggiore integrazione e sinergia. “È indispensabile agire secondo una logica di intermodalità, di sinergia ma anche rinnovamento urbano – conclude Laugaa – Villa Costanza è un punto di intermodalità che funziona, ma ha anche valorizzato l’intera area, attraendo investimenti produttivi e servizi. È stato impressionante vedere che, durante Firenze Rocks, sono stati venduti 20 mila euro di biglietti, tanti quanti ne vengono venduti alla stazione di Gare du Nord a Parigi”.

Scarica il comunicato stampa

“Club Tram” Ratp. Le tramvie del mondo a Firenze

IMG_3169FIRENZE, 22 GIUGNO – Il “Club Tram” Ratp ha scelto Firenze per riunirsi e confrontarsi sulle diverse esperienze di gestione e individuare innovazioni per migliorare il servizio. E nel corso della due giorni fiorentina la delegazione 10 fra direttori generali e amministratori delegati di società del GruppoRatp ha incontrato in Palazzo Vecchio la vicesindaca Cristina Giachi e l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti.
Continua a Leggere

Le tramvie di tutto il mondo a Firenze (Comunicato Stampa)

SCANDICCI, 21 GIUGNO 2018 – Oggi e domani GEST riceverà a Firenze 10 amministratori delegati delle aziende del gruppo Ratp che in 6 Paesi di 4 continenti, tra Stati Uniti, Algeria, Cina, Francia, Marocco e Italia (e presto anche in Qatar), gestiscono 250 km di tramvie muovendo 440 milioni di persone ogni anno.

Per GEST, azienda del Gruppo Ratp, 3° gruppo europeo e il 5° nel mondo specializzato nella gestione delle tramvie, si tratta di un importante occasione di lavoro per confrontare esperienze e innovazioni nella gestione tramviaria. Continua a Leggere

Tramvia, collaudo su tutta la linea (La Nazione Firenze)

Nazione-5MaggioLa Nazione Firenze – 04 maggio 2018 – IL PRIMO record è arrivato poco dopo le 20 di mercoledì. Quando uno dei nuovi tram Sirio ha percorso tutto d’un fiato i quasi 11 chilometri e mezzo di binari dal deposito di Villa Costanza a Scandicci fino al capolinea della linea 3 di Careggi. In pratica la ‘tirata’ più lunga mai fatta da uno dei 29 mezzi della flotta Hitachi lungo il circuito dei binari.

Il viaggio fa parte dei test che Gest ha avviato dai primi di aprile in modo da ottenere il nulla osta al trasporto passeggeri in tempo per il via libera alla linea 3, programmato per il 30 giugno con viaggio inaugurale domenica 1° luglio. «Questi test – spiegano dall’azienda che gestisce le tramvia – sono necessari per testare le distanze, le frequenze e gli ingombri».

Leggi l’articolo integrale

Tramvia, rodaggio notturno (TGR Rai Toscana)

Al via il collaudo dei mezzi che viaggeranno sulle linee 2 e 3. Per accelerare i tempi, la Gest ha scelto di svolgerlo sulla linea 1, tra le 20 e le 4 di mattina. “Rispetteremo il termine del 1° luglio” spiega l’amministratore delegato Jean Luc Laugaa. (Servizio andato in onda il 20 aprile nell’edizione delle 14.00 del TGR Rai Toscana)

Intervista a Jean-Luc Laugaa, ad di GEST (Capitani Coraggiosi – RTV 38)

Intervista a Jean Luc Laugaa, Amministratore Delegato di GEST S.p.A. e Autolinee Toscane S.p.A., alla trasmissione “Capitani Coraggiosi” di RTV38. Nell’intervista si parla del successo della linea T1, dell’arrivo delle nuove linee e dei benefici del futuro sistema tramviario fiorentino, ma anche della gara regionale del TPL Toscano.

L’ad della tramvia: “I pali alla stazione conseguenza del no sul Duomo” (la Repubblica Firenze)

Repubblica (12 aprile)La Repubblica Firenze – 12 aprile 2018 – di Ilaria Ciuti – “Sarà nata forse perché era l’ultima polemica che si potesse fare prima che la tramvia parta, ma quella per i pali dell’alimentazione elettrica in piazza dell’Unità non ha ragione d’essere”, dice fermo Jean Luc Laugaa, ad di Gest, la società di Ratp che ora gestisce la linea 1 e prossimamente tutte e tre.

Cosa lo convince di questa ipotesi Laugaa?
«Vengo giusto dalle prime due notti, lunedì e martedì, di rodaggio sui binali del linea 1 dei nuovi 29 tram Sirio di Hitachi (ex Breda) che correranno sulla 2 e la 3. In giugno faremo un mese di preesercizio sulla linea 3 che partirà alla fine del mese e in agosto la stessa cosa perla 3 che si inaugurerà entro il 31. Abbiamo aspettato tanto, ci siamo. Vuole ridiscutere tutto a questo sudato punto?».

Leggi l’articolo integrale