Gest: 10 giorni utili ma impegnativi (Comunicato stampa)

Pre-eserciziopostSCANDICCI, 10 LUGLIO 2018 – Si conclude l’esercizio a vuoto sulla nuova linea T1 della tramvia di Firenze. Domani, 11 luglio 2018, termineranno i 10 giorni di pre-esercizio dettati dalla commissione Ustif del Ministero dei Trasporti, utili a simulare il futuro servizio, testare il funzionamento delle tecnologie, delle procedure e dell’infrastruttura. Fase propedeutica all’avvio del nuovo servizio tra Villa Costanza e Careggi.

“Sono stati 10 giorni assai impegnativi – ha dichiarato Jean Luc Laugaa, Ad di Gest – abbiamo dovuto concentrare in 10 giorni il lavoro che di norma richiede due mesi. Abbiamo raddoppiato le squadre e prolungato l’orario, in modo da poter verificare il funzionamento del sistema, i tempi di reazione agli imprevisti, le criticità e le soluzioni. L’esercizio a vuoto ha consentito ai regolatori e manutentori di prendere confidenza con la linea; ha permesso di riscontrare alcune criticità che, emerse in questa fase, ci hanno consentito di risolverle preventivamente, evitando disagi agli utenti. Insomma – conclude l’Ad di Gest – sono stati giorni faticosi ma utili”.

Tra le diverse criticità riscontrate si segnala la non perfetta sincronizzazione semaforica. In più di una situazione a partire dalle fermate, non sempre veniva rilasciato il via libera ai tram, provocando rallentamenti e ritardi del servizio sull’intera linea. Un aspetto che normalmente si verifica in occasione del pre-esercizio, la cui soluzione è essenziale per poter garantire puntualità e affidabilità. Con il pronto intervento dei costruttori la situazione è già migliorata ed ora è in via di perfezionamento.

Riscontrate difficoltà anche nella comunicazione via interfono tra i conducenti dei tram e la sala di controllo. Anche qui, insieme ai costruttori, stiamo intervenendo in due direzioni: migliorare la formazione dei conducenti sulle procedure da seguire e la verifica del software che gestisce la comunicazione.

Funzionalità delle sottostazioni e l’alimentazione della linea. Sono state evidenziate alcune criticità presso la sottostazione di Careggi, che ha registrato improvvise perdite di tensione. Aspetto in via di soluzione. Sempre in tema di alimentazione è emersa l’esigenza di migliorare la regolazione dell’altezza della linea di contatto e la sua poligonatura.

Altro tasto critico, il fronte rumori. In particolare è stato preso in esame il rumore prodotto nelle curve, soprattutto quelle in entrata e uscita dal viale Morgagni, presso piazza Dalmazia. Problema risolto con l’istallazione del sistema ungibordo perfezionato da Hitachi. Oppure i rumori alla sottostazione presso la fermata Strozzi-Fallaci, insieme al non sempre perfetto funzionamento della comunicazione sonora (frequenti fischi) in corrispondenza di alcune fermate. I costruttori sono già al lavoro per risolverli.

Altri aspetti emersi hanno riguardato la perfetta visibilità dei semafori e le variazioni di velocità lungo la tratta. Criticità già risolte.

Come richiesto dall’Ustif si è proceduto alla simulazione di incidenti, con le informazioni agli utenti, la richiesta di soccorsi e la gestione delle procedure per l’avvio del servizio provvisorio.

L’attività di servizio a vuoto proseguirà anche nei prossimi giorni, fino a quando non riceveremo il via libera (da parte di Ustif e Regione Toscana) all’attivazione del servizio a porte aperte, con il trasporto dei passeggeri sull’intera tratta.

Scarica il comunicato

Tramvia, ore contate. Ci siamo quasi. Ultime verifiche (La Nazione)

Nazione09-07-2018La Nazione Firenze – 9 luglio 2018 – di Olga Mugnaini – Dieci giorni sono passati. E ogni ora è buona per conoscere la data della partenza della linea 3. Purtroppo la festa per l’inaugurazione della nuova tramvia che il Comune aveva fissato al 30 giugno è stata rinviata, perché il ministero dei trasporti ha chiesto ulteriori verifiche sui collaudi e sul cosiddetto preesercizio. Per questo la tramvia continua a viaggiare vuota dalla stazione a Careggi, monitorando incroci, tempi semaforici, curve e fermate. Giovedì si riunisce la commissione Ustif, Ufficio speciale trasporti a impianti fissi, che valuterà l’esito del preesercizio. Leggi l’articolo integrale…

Tramvia, si apre ora la fase del preesercizio (la Repubblica Firenze)

Repubblica1-07-2018la Repubblica Firenze – 1 luglio 2018 – di Ilaria Ciuti – La tramvia può attendere. Il famoso preesercizio, che fino a ieri l’amministrazione ha ipotizzato come evitabile, invece si farà. La linea 3 non si è inaugurata, come ormai è evidente ieri che era il 30 giugno annunciato, ma non lo farà neanche lunedì o martedì. Non partirà prima di due settimane almeno. La Commissione per la sicurezza dell’Ustif (ufficio sistemi e impianti fissi) del ministero ai trasporti, dopo aver verificato l’impianto e esaminato la documentazione dei costruttori, ha ieri autorizzato dieci giorni di preesercizio, a porte chiuse ovvero senza passeggeri, che Gest (la società di Ratp che gestisce l’intera rete tranviaria ) inizierà appena avrà il via ufficiale. Leggi l’articolo integrale

L’arrivo della tramvia. Inaugurazione fra dieci giorni (La Nazione Firenze)

Nazione1-07-2018La Nazione Firenze – 1 luglio 2018 – di Olga Mugnaini – Signori in carrozza, anzi no. Ancora un rinvio per la linea 3 della tramvia, che ieri doveva compiere il suo viaggio inaugurale dalla stazione di Santa Maria Novella fino al polo ospedaliero di Gareggi. E invece no, il debutto è rinviato, più o meno a metà luglio. Ma nel frattempo la tramvia non starà ferma, anzi si viaggerà giorno e notte per dimostrare che tutto è in ordine e per finire di testare le sue qualità tecniche. Prima di aprire ai passeggeri, si dovranno infatti effettuare altri dieci giorni di esercizio a “porte chiuse”. Leggi l’articolo integrale

La «T1 Leonardo» parte tra 15 giorni

Corriere1-07-2018Corriere Fiorentino – 1 luglio 2018 – di Marzio Fatucchi – Tramvia, il collaudo c’è, la data per la partenza quasi: perché in realtà è una somma. Cioè dieci giorni più (circa) 4. I tecnici del ministero hanno dato il collaudo (dopo una riunione protrattasi ieri dalla prima mattina fino a metà pomeriggio) ed hanno chiesto io giorni di pre-esercizio. O meglio, «esercizio a vuoto». Sarà bizzarro vedere i Sirio partire da Scandicci, arrivare alla stazione, scaricare tutti e ripartire vuoti verso Careggi, ritornare ed arrivare vuoti alla stazione per ripartire. Perché così si effettuerà questa fase di controlli sulla linea Ti Leonardo: per anni l’abbiamo chiamato linea 3, rifacendosi alla vecchia denominazione pre-cancellazione del passaggio del tram dal Duomo. Ora questo pezzo, Gareggi-stazione, si aggiunge alla T1, integrandola: e infatti si chiama T1 Leonardo «Villa Costanza- Ospedali di Careggi». Leggi l’articolo integrale

Ministero: servono 10 giorni di esercizio a vuoto

SCANDICCI, 30 GIUGNO 2018 – Prima di aprire le porte ai passeggeri nella nuova linea T1 tra Alamanni e Careggi, la tramvia dovrà effettuare 10 giorni di esercizio a “porte chiuse”. Lo ha deciso la Commissione del Ministero (USTIF) che, verificata l’infrastruttura e la documentazione tecnica, ha dato il via libera fissando tempi e modalità.

“Noi siamo pronti. Appena avremo il viapre.eserciziopre libera formale inizieremo la simulazione del servizio – commenta Jean Luc Laugaa, Ad di Gest – svolgendo tutte le attività, le verifiche e i test previsti dal Ministero. Attività che ci consentiranno di garantire un servizio affidabile e in sicurezza. Se tutte le verifiche daranno esito positivo il servizio sarà aperto a tutti”. Continua a Leggere

Meno auto e smog: la buona «lezione» della prima tramvia (Corriere fiorentino)

Corriere29-06-2018Corriere fiorentino – 29 giugno 2018 – di Marzio Fatucchi – I vantaggi della tranvia, su cui ormai
neanche i più feroci oppositori dei Sirio a Firenze esprimono più dubbi, saranno sostanzialmente due. Il primo è l’impatto sul numero delle auto utilizzate, come dimostra l’esperienza della linea i. A dirlo sono le ultime statistiche elaborate dalla Regione Toscana: già solo dopo due anni dopo l’entrata in esercizio della tranvia Scandicci – Firenze, su 13 milioni di passeggeri all’anno, un quarto di questi aveva deciso di smettere di usare il proprio mezzo (auto o scooter) ed aveva preferito il tram. E questo significa che un’auto su cinque, tra quelle che circolavano prima della partenza della linea 1, rimaneva in garage o comunque a casa. A fronte di questo ecco il secondo effetto positivo sempre la sola linea i ha permesso l’abbattimento di 46o mila tonnellate di C02 all’anno… Leggi l’articolo integrale

Corri la Vita, con “Sirio” testimonial (Corriere fiorentino)

CorriLaVita-28giugno2018Corriere fiorentino – 28 giugno 2018 – Francesco Del Boca – Un convoglio Sirio con una enorme maglietta viola. È la nuova t-shirt di «Corri La Vita», firmata Salvatore Ferragamo, che riveste l’insolito testimonia)dell’edizione 2018: la tramvia. «Dopo i simboli del glorioso passato di Firenze come l’Elettrice Palatina, Dante o Palazzo Vecchio arriva la tramvia. Per la prima volta uno sguardo verso il futuro, perché il domani corre sui binari», ha commentato la presidente dell’Associazione «Corri La Vita Onlus» Bona Frescobaldi. Leggi l’articolo integrale

Tramvia: “Pronti a gestirla bene”

congressomobilitàFirenze, 26 giugno – “Per avere un moderno sistema di trasporti è necessario prima creare le infrastrutture e poi gestirle bene. Presto avremo tre linee. Noi siamo pronti a gestirle in modo che siano affidabili, sicure e puntuali. Mi auguro poi che la rete tramviaria venga completata, in modo che possa esprimere tutte le sue potenzialità ed estendere i benefici all’intera città”.

Queste le parole di Jean-Luc Laugaa, Ad di GEST, gestore della tramvia di Firenze, che questa mattina è intervenuto all’iniziativa “Infrastrutture e mobilità” organizzato dalla Regione Toscana per fare il punto sul Piano Regionale Integrato Infrastrutture e Mobilità.

“Ci impegniamo, ci impegniamo, ci impegniamo – commenta Laugaa – Ci impegniamo molto per offrire un servizio che punti alla regolarità, affidabilità, importando anche soluzioni ed esperienze del mondo. Ci impegniamo anche sul fronte della sicurezza e, soprattutto, nel dialogo continuo con i passeggeri. Solo così, con questo impegno costante, si può garantire un buon servizio”.

Per GEST, che si appresta a gestire le nuove linee dirette a Careggi e Peretola, è rilevante anche guardare la mobilità fiorentina nel suo complesso e in prospettiva. “Toccheremo Scandicci, Careggi e Peretola, è prevista la linea 4 e alcune estensioni, ma è necessario toccare anche la parte Sud di Firenze, completare il sistema tramviario e portare il servizio in tutta la città, per una Firenze moderna e sempre più europea”.

Per far funzionare un sistema è però necessaria anche maggiore integrazione e sinergia. “È indispensabile agire secondo una logica di intermodalità, di sinergia ma anche rinnovamento urbano – conclude Laugaa – Villa Costanza è un punto di intermodalità che funziona, ma ha anche valorizzato l’intera area, attraendo investimenti produttivi e servizi. È stato impressionante vedere che, durante Firenze Rocks, sono stati venduti 20 mila euro di biglietti, tanti quanti ne vengono venduti alla stazione di Gare du Nord a Parigi”.

Scarica il comunicato stampa

“Club Tram” Ratp. Le tramvie del mondo a Firenze

IMG_3169FIRENZE, 22 GIUGNO – Il “Club Tram” Ratp ha scelto Firenze per riunirsi e confrontarsi sulle diverse esperienze di gestione e individuare innovazioni per migliorare il servizio. E nel corso della due giorni fiorentina la delegazione 10 fra direttori generali e amministratori delegati di società del GruppoRatp ha incontrato in Palazzo Vecchio la vicesindaca Cristina Giachi e l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti.
Continua a Leggere